IL BENESSERE SECONDO NOI

Il benessere non è un concetto astratto ma può essere definito come quello stato dove tutte le nostre energie, mentale, emozionale, relazionale e fisica trovano il loro punto di equilibrio.

“Sentirsi bene” vuol dire sentirsi forti fisicamente, mentalmente, soddisfatti di noi stessi e in armonia con il mondo che ci circonda.
Lo stato di “benessere” non è un’utopia, basta solo essere informati, consapevoli e determinati. Lo stile di vita che adottiamo, ovvero le nostre abitudini quotidiane, il nostro modo di vivere sono il fondamento di tutto il percorso.

L’alimentazione è, delle nostre abitudini, quella che ha il maggior impatto sulla nostra salute e il nostro benessere. L’ingestione di cibo non ha solo un impatto sul gusto, l’olfatto e non è solo apporto calorico ma ogni elemento di ciò che mangiamo interagisce con le cellule del nostro organismo (apparato gastroenterico, sistema immunitario, nervoso, endocrino), stimolando la produzione di sostanze antinfiammatorio o infiammatorie. Tutto questo contribuisce a determinare lo stato di benessere o malessere. In ultima analisi, il cibo si comporta come un farmaco.

Viviamo in simbiosi con l’ecosistema che ci circonda, aria, acqua e luce sono elementi imprescindibili per la vita. L’attività di preservare l’ambiente nel quale viviamo, mettendo in atto anche piccole azioni quotidiane, è un ingrediente importante per migliorare la qualità della nostra vita. Rispettare, preservare l’ambiente significa anche preservare il nostro benessere.

Alimentazione adeguata, stile di vita rispettoso dell’equilibrio ambientale, del quale noi stessi facciamo parte, sono i primi aspetti di una più ampia visione del Benessere consapevole. Non dobbiamo dimenticare però che per migliorare o potenziare il nostro stato di forma fisica (apparato muscolo-scheletrico, apparato cardiovascolare, sistema immunitario, ecc) dobbiamo praticare, quotidianamente, 30 – 60 minuti di attività fisica aerobica leggera (camminare, correre, nuotare) oppure praticare 3 volte a settimana un’attività sportiva più impegnative.
L’attività sportiva ci fa mantenere un ottimale vigore fisico, aumenta le difese immunitarie e migliora il nostro umore generale.

Non dobbiamo dimenticare che il nostro stato di benessere dipende anche da un adeguato ritmo sonno-veglia. In cronobiologia i ritmi circadiani sono fasi che si completano nelle 24 ore e il periodo sonno-veglia ne è un esempio. Dobbiamo dedicare il giusto tempo al riposo (Cicerone affermava che l’ozio è prerogativa dell’uomo libero).
E’ stato messo, scientificamente, in evidenza che stress e mancanza di riposo (sonno ristoratore) producono anche alterazioni delle funzioni del sistema immunitario e predispongono all’insorgenza della depressione.
Il relax, l’otium, il sonno ristoratore agisce diminuendo i livelli ematici di cortisolo e adrenalina (ormoni dello stress) e aumentano la produzione di endorfine.
Le endorfine sono sostanze prodotte dal cervello nel lobo anteriore dell’ipofisi e sono classificate come neurotrasmettitori, dotate di proprietà analgesiche, eccitante e fisiologiche simili a quelle della morfina e dell’oppio, ma con portata più ampia.

L’essere umano è, per sua natura, un individuo sociale che non può prescindere dal coltivare relazioni con i propri simili. Fare vita sociale, frequentare amicizie, uscire da casa, giocare, non dimentichiamo l’importanza del gioco nello sviluppo psico-neurologico del bambino, migliora il tono dell’umore e stimola la produzione di sostanze protettive nel nostro organismo.

Coltivare il pensiero positivo. Può sembrare un’affermazione banale ma convogliare una parte delle proprie energie su pensieri positivi, sorridere, guardare al mondo con ottimismo, credere nelle proprie capacità, amarsi e amare gli altri, agisce sul nostro organismo, aumentando la produzione di endorfine e potenziando il sistema immunitario. E’ ormai assodato il legame tra mente e corpo. Spesso uno stato mentale alterato si manifesta con malattie somatiche.

Lo stato di Benessere è come una sinfonia dove gli strumenti che compongono la melodia, sono l’alimentazione equilibrata, il vivere in armonia con l’ambiente, l’attività fisica, l’adeguato riposo, il mantenimento delle proprie relazioni sociali e il pensiero positivo.
Sarebbe sufficiente dedicarsi solo ad alcuni di questi aspetti e già il rischio di contrarre malattie si abbasserebbe di molto. Se ci dedicassimo a tutti i punti elencati, allora, sarebbe possibile raggiungere un vero stato di Benessere consapevole.